Vai a sottomenu e altri contenuti

Autorizzazione Integrata Ambientale

L'istanza viene presentata utilizzando i modelli disponibili in questa sezione corredati dei relativi allegati, documentazione ed informazioni.

La documentazione tecnica che accompagna la domanda di AIA è costituita da:
- n. 5 schede, ciascuna formata da più tabelle;
- allegati alle schede, quali elaborati tecnici, cartografie, relazioni e documentazione di vario tipo che ne completino le informazioni;
- sintesi non tecnica.

Le prime due schede, 1 - Informazioni generali e 2 - Dati e notizie sull'impianto/complesso IPPC attuale, descrivono le caratteristiche dell'impianto nel suo assetto attuale, le sue attività, le autorizzazioni acquisite, l'inquadramento urbanistico e territoriale,le materie prime, le emissioni, ecc. Nella scheda 2 sono riportati più dettagliatamente i consumi e le emissioni dell'impianto.
La successiva scheda, 3 - Individuazione della proposta impiantistica ed effetti ambientali, richiede al gestore di verificare se l'impianto, nel suo assetto attuale, è autorizzabile secondo le norme IPPC o se è necessario apportare modifiche.
La scheda 4 - Dati e notizie sull'impianto/complesso IPPC da autorizzare, non deve essere compilata se l'impianto nel suo assetto attuale è autorizzabile ai sensi della normativa IPPC. In caso contrario, il gestore dovrà descrivere nella scheda 4, l'assetto impiantistico per il quale richiede l'autorizzazione, chiamato più semplicemente impianto/complesso IPPC da autorizzare, riportando in forma sintetica i dati relativi al nuovo assetto, nonché gli effetti ambientali associati. Dovrà essere inoltre riportato il programma degli interventi di adeguamento ed i relativi tempi di attuazione.
La scheda 5 - Modalità di gestione degli aspetti ambientali e piano di monitoraggio, permette di descrivere le modalità di gestione ambientale e il piano di monitoraggio che si intendono adottare.

La sintesi non tecnica deve illustrare in forma sintetica e facilmente comprensibile gli aspetti principali del procedimento di valutazione.

L'''Elenco dei documenti a corredo della domanda'' costituisce l'indice analitico di tutti i documenti ed elaborati necessari per l'istanza di AIA. La compilazione di tale documento consente al richiedente di indicare i documenti e gli elaborati relativi alle proposte di intervento finalizzate alla prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento.

Le istruzioni su come compilare le schede e predisporre i relativi allegati ed ulteriori spiegazioni sui contenuti sono riportate nella Guida alla compilazione.

Requisiti

L'autorizzazione è necessaria per lo svolgimento delle attività industriali elencate nell'all.VIII, parte seconda del D.lgs. n. 152/06 ( Testo Unico Ambientale) ; attività industriali e agricole ad alto potenziale inquinante (attività energetiche, produzione e trasformazione dei metalli, industria dei prodotti minerali, industria chimica, gestione dei rifiuti, allevamento di animali); Con il D.lgs. 46 del 04/04/2014 è stata estesa la tipologia di attività rientranti nella disciplina AIA, con particolare riferimento alle attività di gestione dei rifiuti (attività 5.1, 5.2, 5.3, 5.5, 5.6) e di trattamento e gestione indipendente di acque reflue (impianti consortili), escluse quelle urbane, provenienti da installazioni AIA (6.11).

Costi

n. 2 marche da bollo da €. 16,00 da apporre sulla domanda di autorizzazione e sul provvedimento finale; Oneri di istruttoria secondo la tipologia di impianto : micro impresa, piccola impresa, media impresa come disciplinato dal paragrafo 15 dell'Allegato alla delibera RAS 43/15 – 2006 “ linee guida in materia di autorizzazioni integrate ambientali “.

Normativa

  • Direttiva 96/61/CE '' Prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento'';
  • Direttiva 2008/1/CE '' sulla Prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento - IPPC '';
  • D.lgs. 152/2006 ''procedure per la Valutazione Ambientale Strategica (VAS), per la Valutazione dell'Impatto Ambientale (VIA) e per l'Autorizzazione Integrata Ambientale (IPPC)'' e ss.mm. e ii.;
  • L.R. 4/2006
  • L.R. 6/2006
  • L.R. 9/2006 (in particolare art. 53)
  • Allegato alla delibera RAS 43/15 - 2006 '' linee guida in materia di autorizzazioni integrate ambientali ''

Documenti da presentare

L'istanza viene presentata utilizzando i modelli disponibili in questa sezione corredati dei relativi allegati, della documentazione e delle informazioni richieste.
La documentazione tecnica che accompagna la domanda di AIA è costituita da:

  • n. 5 schede, ciascuna formata da più tabelle;
  • allegati alle schede, quali elaborati tecnici, cartografie, relazioni e documentazione di vario tipo che ne completino le informazioni;
  • sintesi non tecnica.
  • Allegati:
  • Domanda Autorizzazione Integrata Ambientale
  • Elenco dei documenti a corredo della domanda
  • Scheda 1 - Informazioni Generali
  • Scheda 2 - Dati e notizie sull'impianto/complesso IPPC attuale
  • Scheda 3 - Individuazione della proposta impiantistica ed effetti ambientali
  • Scheda 4 - Dati e notizie sull'impianto/complesso IPPC da autorizzare
  • Scheda 5 - Modalità di gestione degli aspetti ambientali e piano di monitoraggio

Termini per la presentazione

Procedimento a istanza di parte. Nessun limite temporale per la presentazione delle istanze relative a nuovi impianti o alla modifica sostanziale, o non sostanziale, di impianti esistenti; per il riesame dell'autorizzazione (anche in termini tariffari a seguito di modifiche legislative) e per il suo rinnovo, il procedimento viene avviato: 1) da parte dell'autorità competente quando : a) ogni qual volta vi siano nuove o aggiornate conclusioni sulle BAT o l'amministrazione ravvisi l'esigenza di riesaminare l'autorizzazione; b) trascorsi dieci anni dal rilascio dell'AIA o dall'ultimo riesame (effettuato sull'intera installazione); c) su proposta di altre amministrazioni competenti in materia ambientale. 2) da parte del gestore : a) in caso di modifiche sostanziali dell'impianto o parte di esso; b) nel caso di variazioni di titolarità dell'impianto.

Incaricato

Ambiente Nord Ovest: Dr.ssa Giovanna Stara 079.2069608 mail: g.stara@provincia.sassari.it Ambiente Nord Est: Ing. Stefano Nocco s.nocco@provincia.sassari.it Telefono: 0789.557687

Tempi interni

30 gg decorrenti dal ricevimento della domanda per l'avvio del procedimento, salvo richieste di integrazione documentale come da art. 29/ter comma 4 D.lgs152/06); 15 gg dall'avvio del proc

Tempi esterni

Fase istruttoria tecnica ARPAS e Conferenza di servizio con altri Enti competenti ex art.14 L.241/90. Gli enti competenti si esprimono in funzione ognuno della propria tempistica.

Tempi complessivi

150 gg. dall'avvio del procedimento, escluse eventuali sospensioni per presentazione di documentazione integrativa. Non è previsto il silenzio assenso.

Termini e modalità di ricorso

E' possibile proporre ricorso giurisdizionale al TAR entro 60 giorni, o, in alternativa ricorso amministrativo straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni , dalla notifica, comunicazione o pubblicazione dell'atto.

Note

Per informazioni rivolgersi agli uffici del Settore Ambiete, Agricoltura, Servizio Pianificazione e Gestione faunisticam ed in particolare al Dr.ssa Giovanna Stara (079 2069608).

Il pagamento degli oneri istruttori va effettuato esclusivamente tramite il sitema Pago PA - Link : https://sassari.provincia.plugandpay.it

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Domanda per l'Autorizzazione Integrata Ambientale Formato doc 127 kb
Elenco dei documenti a corredo della domanda Formato pdf 68 kb
Scheda 1 - Informazioni Generali Formato pdf 89 kb
Scheda 2 - Dati e notizie sull’impianto/complesso IPPC attuale Formato pdf 197 kb
Scheda 3 - Individuazione della proposta impiantistica ed effetti ambientali Formato pdf 101 kb
Scheda 4 - Dati e notizie sull’impianto/complesso IPPC da autorizzare Formato pdf 60 kb
Scheda 5 - Modalità di gestione degli aspetti ambientali e piano di monitoraggio Formato pdf 41 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto