Vai a sottomenu e altri contenuti

Scarichi acque reflue domestiche

Ai fini del rilascio dell'autorizzazione allo scarico delle acque reflue domestiche occorre presentare domanda tramite il modulo sotto allegato, completa degli elaborati ivi elencati.

Richiamata la Direttiva Regionale ''Disciplina degli scarichi'' approvata con Delibera RAS 69/25 del 10.12.2008 che nell'allegato 3 individua la fossa imhoff seguita da subirrigazione come trattamento appropriato per agglomerati fino a 50 a.e..
Richiamata la direttiva 91/271/CEE del 21 maggio 1991 che stabilisce gli standard minimi di trattamento per le acque di scarico urbane e che all'art. 2 definisce agglomerato l'area in cui la popolazione e/o le attività economiche sono sufficientemente concentrate così da rendere possibile la raccolta e il convogliamento delle acque reflue verso un sistema di trattamento o verso un punto di scarico finale.

Si ricorda che qualora gli insediamenti abitativi e le attività produttive che abbiano una tipologia di scarico domestico insistano in un agglomerato di dimensioni superiori a 50 a.e., i sistemi di trattamento indicati nella delibera CITAI del 4 febbraio 1977 non possono essere considerati appropriati e pertanto non verranno autorizzati.

Laddove la realizzazione di una rete fognaria non sia giustificata o perché non presenterebbe vantaggi dal punto di vista ambientale o perché comporterebbe costi eccessivi, potranno essere autorizzato solo sistemi di depurazione che permettano di raggiungere il livello di protezione ambientale richiesto per quell'agglomerato.

Nell'ambito del procedimento di autorizzazione allo scarico, per l'individuazione dell'agglomerato e in particolare del numero di abitanti residenti e fluttuanti, si farà ricorso ai dati in possesso del Comune di riferimento. A tal fine si invierà all'Amministrazione Comunale competente una richiesta di informazioni che sospenderà i termini del procedimento amministrativo.

Nel territorio del Comune di Sassari, considerato che l'Amministrazione comunale non ha ancora predisposto uno studio di dettaglio che definisca eventuali zone del perimetro periurbano che possano essere ricomprese all'interno di un agglomerato e che dunque non è possibile stabilire se il trattamento di depurazione costituito da fossa imhoff con condotta disperdente sia un sistema appropriato di depurazione, per il principio di precauzione sancito dall'art. 3ter del D.Lgs 152/2006, onde evitare danni all'ambiente nonché possibili procedure di infrazioni per la non conformità dei sistemi di trattamento delle acque reflue urbane da parte della Comunità Europea, questa Amministrazione non rilascerà più autorizzazioni allo scarico per impianti costituiti da sola fossa imhoff con condotta disperdente.

Tale disposizione si applicherà a tutte le istanze di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche e assimilate alle domestiche, derivanti sia da insediamenti abitativi che da attività produttive, pervenute al protocollo dell'Ente a partire dal 1° gennaio 2017.

Le richieste di rinnovo relative ad autorizzazioni non scadute saranno accolte nelle more della predisposizione da parte dell'Amministrazione comunale del suddetto studio di dettaglio.'

Requisiti

Titolare dello scarico

Costi

N. 1 marca da bollo da € 16,00; Spese d'istruttoria da € 50,00 a € 100,00;

Normativa

  • Decreto del Ministero dell'Ambiente e del Territorio 12 giugno 2003, n. 185.
  • Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e ss.mm.ii..
  • Disciplina regionale degli scarichi approvata con D.G.R. n. 69/25 del 10 dicembre 2008.
  • Direttiva regionale sul riutilizzo delle acque reflue depurate concernente ''Misure di tutela quali-quantitativa delle risorse idriche tramite il riutilizzo delle acque reflue depurate'', approvata con D.G.R. n. 75/15 in data 30 dicembre 2008 - testo coordinato della D.G.R. n. 75/15 del 30 dicembre 2008 con le successive modifiche ed integrazioni, pubblicato nel BURAS, Supplemento Straordinario n. 21 al Bollettino 18 del 5 aprile 2018.
  • Regolamento provinciale per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico.

Documenti da presentare

Domanda corredata dalla documentazione indicata agli artt. 9 o 11 del Regolamento provinciale per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico.

Documento d'identità in corso di validità.

Termini per la presentazione

L'istanza di rinnovo dell'autorizzazione allo scarico deve essere presentata un anno prima della scadenza.

Incaricato

Dr.ssa Roberta Scanu mail: r.scanu@provincia.sassari.it ,

Tempi interni

Preistruttoria, comunicazione avvio procedimento e richiesta integrazioni documentali entro trenta giorni dalla ricezione della domanda.

Tempi complessivi

Novanta giorni dalla ricezione della domanda, fatti salvi i tempi di sospensione per la produzione di integrazioni documentali

Termini e modalità di ricorso

Avverso i provvedimenti è esperibile ricorso al TAR nel termine di sessanta giorni o in alternativa ricorso al Capo di Stato nel termine di centoventi giorni, entrambi decorrenti dalla data di notifica o comunicazione dell'atto o della piena conoscenza di esso.

Note

Per informazioni rivolgersi agli uffici del Settore Ambiente, Agricoltura, Servizio II - Tutela delle Acque e impianti energetici, ed in particolare

Il pagamento degli oneri istruttori va effettuato esclusivamente tramite il sistema Pago PA della Provincia all'indirizzo: https://sassari.provincia.plugandpay.it

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Scarichi acque reflue domestiche Formato pdf 135 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto