Vai a sottomenu e altri contenuti

Scuole Nautiche

Endoprocedimento di istanza Suape in autocertificazione a 0 giorni. Autorizzazione confluita nel regime di Scia ai sensi del D.Lgs. n. 222/2016.

Requisiti

I requisiti per l'apertura di una nuova scuola nautica sono quelli previsti dall'art. 49-septies del Decreto legislativo 18 luglio 2005, n. 171, come introdotto dal D. Lgs. 3 novembre 2017, n. 229. I titolari della scuola nautica per svolgere l'attività di educazione marinaresca, istruzione e formazione dei candidati agli esami per il conseguimento delle patenti nautiche devono, avere 21 anni, possedere i requisiti morali e professionali, diploma di istruzione di secondo grado, comprovata esperienza biennale maturata negli ultimi 5 anni, adeguata capacità finanziaria, locali, arredamento didattico, materiale per le lezioni teoriche e mezzi nautici, nonché disporre di insegnanti ed istruttori riconosciuti idonei.

Costi

Gli oneri istruttori ammontano ad € 100,00 per l'avvio di una nuova attività,

Normativa

  • Art. 105 del D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 112 riguardante il conferimento di funzioni e compiti agli enti locali - Trasporti;
  • Art. 68 L.R. 12 giugno 2006, n. 9 riguardante il conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle Regioni ed agli Enti Locali;
  • Art. 49-septies del Decreto Legislativo 18 luglio 2005, n. 171 ''Codice della nautica da diporto ed attuazione della direttiva 2003/44/CE, a norma dell'articolo 6 della Legge 8 luglio 2003, n. 172.'' e ss.mm.ii..
  • D.P.R. 9 ottobre 1997, n. 431 ''Regolamento sulla disciplina delle patenti nautiche.'';
  • Decreto 29 luglio 2008, n. 146 ''Regolamento di attuazione dell'articolo 65 del Decreto Legislativo 18 luglio 2005, n. 171, recante il codice della nautica da diporto.'' e ss.mm.ii..
  • Regolamento per la disciplina dell'attività delle Scuole Nautiche approvato con deliberazione di Consiglio Provinciale n. 80 del 26 settembre 2017;
  • Direttive in materia di sportello unico per le attività produttive e perl'edilizia (Suape) - Deliberazione G.R. n. 49/19 del 05/12/2019.

Documenti da presentare

Procedimento ad istanza di parte.

Le istanze devono essere presentate al Suape (Sportello Unico delle Attività Produttive e per l'Edilizia) del comune nel quale è ubicata la sede dell'attività, utilizzando la modulistica adeguata alla L.R. n° 24/2016 e ss.mm.ii, reperibile nel sito

https://www.sardegnaimpresa.eu/it

Termini per la presentazione

Avvio attività: nessun termine. Subingresso/trasferimento/variazione attività: eventuali termini previsti dalla normativa di settore e dal Regolamento Provinciale.

Incaricato

Ing. Sergio Sini

Tempi interni

Iniziativa di parte. Decorrenza dalla trasmissione da parte del Suape competente, della documentazione per le verifiche.

Tempi esterni

Tempi previsti dalla normativa sul procedimento unico Suape. Soggetti esterni coinvolti: Suape competente, Capitaneria di Porto competente, Enti terzi titolari di endoprocedimenti collegati.

Tempi complessivi

60 giorni; Altri termini: sospensioni o interruzioni dei tempi procedimentali previsti dalla normativa Suape; Silenzio assenso: Si.

Note

Le istanze pervenute direttamente alla Provincia saranno dichiarate irricevibili.

  • non dovuta in caso di esito positivo delle verifiche (Punto 10.2 delle Direttive Suape);
  • in caso di esito negativo delle verifiche, provvedimento prescrittivo o interdittivo preceduto dalla comunicazione di cui all'art. 10 bis della L. 241/90 (motivi ostativi all'accoglimento dell'istanza).

Per informazioni rivolgersi agli uffici del Settore Viabiltà e Trasporti - Loc. Baldinca - Monte Tignosu - Via Lorenzo Auzzas 5, 0710 Sassari ed in particolare all'Ing. Sergio Sini (079 2069801)

mail: s.sini@provincia.sassari.it e il Dott. Emilio Sanna 0792069423 mail e.sanna@provincia.sassari.it


Il pagamento degli oneri istruttori va effettuato esclusivamente tamite il sistema Pago PA - al Link: https://sassari.provincia.plugandpay.it

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto